12 marzo – A difesa della Costituzione

I Comitati Dossetti per la Costituzione aderiscono alla manifestazione nazionale del 12 marzo a difesa della Costituzione italiana, e promuovono ulteriori iniziative, convinti che è necessaria una grande mobilitazione che unisca il popolo italiano, nella pluralità delle sue espressioni politiche, sociali e culturali, attorno ai valori della Costituzione, simbolo dell’unità indivisibile dell’Italia e della natura irrecusabile della sua democrazia.

La crisi politico-istituzionale che da troppo tempo devasta le nostre istituzioni rischia di giungere a un punto di non ritorno.

Le istituzioni di garanzia, pilastri dell’edificio democratico, in quanto custodi delle libertà e dei diritti inviolabili dei cittadini, sono sottoposte a sempre più aggressive campagne di delegittimazione che ne minano la capacità di resistenza.… leggi tutto

Se B. attacca i Guardiani della Costituzione

Nel programma di guerra di Berlusconi alle istituzioni dello Stato di diritto, al primo posto c’è il regolamento dei conti con l’indipendenza della giurisdizione.

Le aggressioni (e le intimidazioni) di Berlusconi contro i magistrati, che per la natura della loro funzione devono esercitare il fastidioso compito di controllare il rispetto delle regole da parte di tutti, sono una costante da 17 anni, da quando l’eroe è “sceso in campo” per liberare l’Italia dal giogo dei comunisti che – com’è noto – specialmente dopo il 1989 era diventato soffocante per il nostro paese.… leggi tutto

Se B. si dichiara prigioniero politico

Secondo un antico aforisma romano “Quos Deus vult perdere dementat prius: quelli che Dio vuole perdere, prima li fa uscire di senno.
Nessuna metafora potrebbe essere più adeguata alle esplosioni di collera di Berlusconi che,non avendo mai rispettato il galateo istituzionale, negli ultimi due giornisi è messo a sparare ad alzo zero contro l’esercizio della giurisdizione,utilizzando espressioni che superano in livore quelle adoperate a suo tempo dalle brigate rosse contro i giudici che “perseguitavano” i terroristi.

Accusando i Pubblici Ministeri di essere “un’avanguardia rivoluzionaria” e di aver intrapreso un “golpe morale” contro di lui con inchieste “degne della DDR”, Berlusconi in pratica si è dichiarato “prigioniero politico” ed ha disconosciuto l’autorità della giurisdizione se esercitata – come prevede la Costituzione – in modo indipendente dal potere politico.… leggi tutto

ALLARME DEI COMITATI DOSSETTI PER LA COSTITUZIONE SULLA ANNUNCIATA RIFORMA DELL’ART. 41 DELLA CARTA

I Comitati Dossetti per la Costituzione registrano con vivo allarme e segnalano all’opinione pubblica la volontà del governo ancora in carica di manomettere l’art. 41 della Costituzione.

Questo proposito conferma la natura eversiva del progetto politico che fa capo all’attuale maggioranza di governo che, abbandonando ogni cautela, punta ora al bersaglio grosso: la demolizione della “costituzione economica” che regola i rapporti economici, i diritti degli uomini e delle donne lavoratrici, i limiti e la funzione del diritto di proprietà e pone i capisaldi dell’intervento dello Stato nell’economia.… leggi tutto