La cattiva scuola di Renzi e Giannini

Il 15 novembre è prevista la conclusione della consultazione sul progetto governativo di grande riforma della scuola italiana, pubblicato il 15 settembre e reclamizzato come la “buona scuola” di Matteo Renzi.

Un’intitolazione auto celebrativa che cancella, appropriandosene, un altro progetto di riforma complessiva del sistema scolastico, sorto con una proposta di legge di iniziativa popolare “per una buona scuola per la Repubblica”, frutto di un’elaborazione collettiva di insegnanti genitori ed esperti, che nel 2006 fu presentato alle Camere e successivamente riproposto come iniziativa legislativa da numerosi parlamentari.… leggi tutto

Il futuro è solo il passato che ritorna?

Il futuro è solo l’inizio è l’inquietante slogan della Leopolda che esprime bene la pulsione di coloro che guidano il Governo ad infrangere le barriere del presente per catapultare l’Italia in una nuova dimensione dove tutto è cambiato: le istituzioni, la società, lo Stato.

E’ stato annunciato un “cambiamento violento”, un rovesciamento totale degli equilibri di potere, di assetti consolidati, di tradizioni politiche, che consentirà – secondo la narrazione dominante – di far ripartire l’Italia, di recuperare efficienza e funzionalità al sistema Paese, schiacciando le resistenze corporative di sindacati, ceti professionali e corpi intermedi.… leggi tutto

Diritto è giustizia

Il 22 ottobre 2014 è una data storica, segna il punto più alto, raggiunto nel nostro ordinamento, della giurisdizione come funzione di garanzia dei diritti fondamentali. La sentenza n. 238/2014 della Corte Costituzionale travolge le consuetudini accomodanti e la ragione di Stato nelle relazioni internazionali, ripristinando la prevalenza del diritto sulla forza. Questo risultato straordinario è frutto di una sinergia virtuosa fra giurisdizione ordinaria e giurisdizione costituzionale, che ha consentito di superare gli ostacoli frapposti dalle Cancellerie.

Ma andiamo per ordine.… leggi tutto

L’abrogazione dell’art. 18 indebolisce la legalità

Il progetto di abolire le tutele previste dall’art. 18 non rappresenta un’innovazione che apre la strada al futuro ma una regressione ad un’epoca in cui le relazioni industriali erano regolate esclusivamente dai rapporti di forza a prescindere dal diritto.

Di fronte alle mistificazioni con le quali si tenta di ingannare l’opinione pubblica, occorre precisare che l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori non interviene sulla libertà di licenziamento, che resta regolata dal principio della giusta causa o del giustificato motivo; si tratta di una norma-sanzione che reprime il licenziamento ingiustificato, cioè illegale, eliminandone gli effetti.… leggi tutto

Meno ferie, più giustizia? L’insulto e la menzogna

Non si sono ancora spenti gli echi degli insulti che Berlusconi, Capo del Governo, scagliava – a reti unificate – sulla magistratura intera, che adesso il dolce stil novo di Arcore è stato prontamente raccolto dal nuovo Presidente del Consiglio. Dopo aver liquidato le riserve espresse dall’associazione magistrati sul progetto di “riforma della giustizia” con un elegantissimo: “br..che paura”, Renzi ha postato sul sito di Palazzo Chigi l’interpretazione autentica, per il popolo bue, della sua epocale riforma della giustizia civile: “meno ferie ai magistrati: giustizia più veloce”.… leggi tutto

La resistenza tradita

Nella settimana appena iniziata si giocherà una partita decisiva per la Repubblica. Quel progetto di scompaginare l’architettura dei poteri come disegnata dai costituenti, che è stato il chiodo fisso della grande riforma propugnata da Berlusconi, sfociata nella riforma della II parte della Costituzione che il popolo italiano ha bocciato con il referendum del 25/26 giugno del 2006, sta per andare in porto con nuove forme e grazie ad un nuovo attore politico. Per quanto articolato diversamente, si tratta dello stesso progetto politico-istituzionale.… leggi tutto

Burattino senza fili

Dopo l’editto Bulgaro, l’editto cinese!

Da Pechino, ben ispirato dal modello cinese, Renzi ha implicitamente rivendicato l’epurazione del sen. Corradino Mineo dalla Commissione Affari costituzionali del Senato, avvertendoci che la sua macchina da guerra, benedetta dal voto popolare delle europee, è destinata ad andare avanti senza lasciarsi condizionare dai veti dei politici.

Il caro leader, non solo a parole, ma con i fatti, ci fa sapere che la sua volontà di imporre al Parlamento l’approvazione delle sue riforme costituzionali deve prevalere su ogni differente opinione dei “suoi” parlamentari.… leggi tutto

Caso Abu Omar – La Cassazione svergogna l’arroganza del potere

Com’è noto, il 24 febbraio 2014 la Corte di Cassazione, ha annullato le condanne inflitte al Direttore del Sismi, generale Niccolò Pollari, e ad altri suoi stretti collaboratori, imputati di concorso con gli agenti della Cia nel rapimento di Abu Omar, “perché l’azione penale non poteva essere proseguita per l’esistenza del segreto di Stato”.

E’ stata una decisione scontata, scritta sotto dettatura della Corte Costituzionale che con la sentenza n. 24/2014, depositata nella notte del 23 febbraio, accogliendo gli ennesimi conflitti di attribuzione sollevati contro la magistratura, aveva – in pratica – ordinato all’autorità giudiziaria di non procedere contro gli agenti segreti italiani a causa dello sbarramento posto dal Governo con il ricorso strumentale al segreto di Stato.… leggi tutto

Il fiore del Partigiano e la svolta autoritaria. Riflessioni sul 25 Aprile

“Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria. Si distruggono i loro libri, la loro cultura, la loro storia. E qualcun altro scrive loro altri libri, li fornisce di un’altra cultura, inventa per loro un’altra storia. Dopo di che il popolo s’incomincia lentamente a dimenticare quello che è e quello che è stato. E il mondo intorno a lui lo dimentica ancora più in fretta!”.

Queste parole dello scrittore ceco Milan Kundera si attagliano in modo particolare al nostro Paese, dove da oltre 20 anni è in corso un processo di liquidazione della memoria che in questo tempo contorto si è trasformato in un vero e proprio uragano e si appresta a cogliere la sua vittoria definitiva.… leggi tutto

Italicum, peggio della Legge Acerbo voluta dal fascismo

Adesso che la legge elettorale, concordata fra Renzi e Berlusconi ma effettivamente scritta da Verdini, è stata approvata da un ramo del Parlamento, la realtà ci dimostra quanto sia utile un sistema bicamerale come clausola di salvaguardia per garantire che le decisioni politiche più importanti non siano assunte nella fretta e con l’inganno.

Fino a quando non sarà abolita la seconda Camera i blindati del decisore politico di turno non potranno passare a passo di carica sui diritti del popolo bue, travolgere l’eguaglianza, sopraffare le minoranze politiche o sociali.… leggi tutto