Saluto e l’adesione dei Comitati Dossetti per la Costituzione

Ho l’onore di portare a questa manifestazione il saluto e l’adesione dei Comitati Dossetti per la Costituzione, che condividono le ragioni dello sciopero generale ed hanno invitato tutti i cittadini amanti della Costituzione a partecipare a questa giornata di mobilitazione nazionale contro l’impostazione di questa manovra.

Qualcuno potrebbe chiedersi: cosa c’entra la lotta per la difesa della Costituzione con una manovra che punta al riequilibrio dei conti pubblici?

Noi rispondiamo: cosa c’entra con l’equilibrio dei conti pubblici, la disciplina contenuta nell’art. 8, sui contratti collettivi aziendali?

Si tratta di una disciplina che, mira a smantellare lo statuto dei lavoratori e con esso l’intero edificio del diritto del lavoro, affidando a soggetti privati la facoltà di dettare regole, in deroga a quelle leggi dello Stato, attraverso le quali si è incarnato il principio lavorista, cioè quel principio supremo che dice che la Repubblica italiana è fondata sul lavoro.

Una disciplina che consente di smantellare la tutela pubblica contro il licenziamento illegittimo, in deroga all’art. 18 dello Statuto ed anche in violazione della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea.

Non a caso è collegata a questa manovra la proposta di manomissione dell’art. 41 della Costituzione, norma di importanza fondamentale che definisce il carattere sociale dell’economia di mercato, laddove sancisce che l’iniziativa economica privata è libera, ma:” non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo di arrecare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”.

La disciplina dettata dall’art. 8 e la proposta di manomissione dell’art. 41 della Costituzione prefigurano un inaccettabile imbarbarimento dei rapporti economico-sociali e svelano un disegno golpista e anticostituzionale che, calpestando la dignità di ciascun lavoratore, punta a demolire l’edificio dei diritti dell’uomo che sono incastonati nel contesto economico-sociale nel quale si svolge la nostra vita e non possono trovare realizzazione e tutela al di fuori di questo contesto.

Queste misure devono essere tolte di mezzo perché non rispondono al fine di puntare al riequilibrio dei conti pubblici. Con esse, si approfitta dell’urgenza imposta dalla crisi finanziaria per manomettere i caratteri originali democratici e sociali della Costituzione italiana.

Certo la Costituzione non ci dice come si devono fare le manovre finanziarie, come si deve operare per il riequilibrio dei conti pubblici, lasciando le scelte concrete alla responsabilità della politica.

Ma la Costituzione ci dice una cosa fondamentale in materia di conti pubblici, che i diritti inviolabili dell’uomo (fra i quali rientrano a pieno titolo i diritti sociali) richiedono l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale (art.2).

Il principale di questo doveri di solidarietà economica e sociale è che tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva e che il sistema tributario è informato a criteri di progressività. (art. 53).

In questo modo la Costituzione ci dice che l’Erario è un bene pubblico fondamentale al quale tutti devono contribuire, in ragione della loro capacità, in adempimento di doveri inderogabili di solidarietà.

Ebbene noi ci troviamo di fronte al disastro in cui siamo perché da molti anni la politica ha rinnegato il valore ed il significato della solidarietà economica e sociale. Che altro significato può avere, infatti, la litania perennemente ripetuta che questo Governo non metterà le mani nelle tasche degli italiani, se non quello di denigrare il valore della solidarietà, equiparando il pagamento delle tasse ad un furto commesso dallo Stato ai danni dei cittadini italiani?

Con queste premesse, non si poteva ottenere altro risultato che una politica dissennata di dissipazione del bene pubblico dell’Erario (realizzata attraverso condoni e regali agli evasori, scudi fiscali, etc.), che ci ha condotto al disastro attuale.

Per questo la ulteriore proposta di modifica delle nome dettate dall’art. 81 della Costituzione in materia di bilancio è mistificatoria ed ingannevole perché attribuisce alla Costituzione il fallimento economico che è stato determinato, invece, dalla condotta irresponsabile di un ceto politico, infedele all’obbligo costituzionale di esercitare le funzioni pubbliche con disciplina ed onore, che ha dissipato i beni pubblici, conducendoci al disastro attuale.

Anche questa volta, come nell’occasione del tentativo di modifica dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori e del referendum del 2006, si è aperto uno scontro politico che ha per oggetto la Costituzione.

Ancora una volta la mobilitazione della CGIL e di tutte le persone di buona volontà è di importanza fondamentale per preservare e consegnare alle generazioni future i valori della Costituzione, patrimonio indisponibile del popolo italiano.

Domenico Gallo

Pistoia, 6 settembre 2011

Domenico Gallo

Autore: Domenico Gallo

Nato ad Avellino l'1/1/1952, nel giugno del 1974 ha conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università di Napoli. Entrato in magistratura nel 1977, ha prestato servizio presso la Pretura di Milano, il Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, la Pretura di Pescia e quella di Pistoia. Eletto Senatore nel 1994, ha svolto le funzioni di Segretario della Commissione Difesa nell'arco della XII legislatura, interessandosi anche di affari esteri, in particolare, del conflitto nella ex Jugoslavia. Al termine della legislatura, nel 1996 è rientrato in magistratura, assumendo le funzioni di magistrato civile presso il Tribunale di Roma. Dal 2007 è in servizio presso la Corte di Cassazione, attualmente ricopre le funzioni di Presidente di Sezione. E’ stato attivo nel Comitato per il No alla riforma costituzionale Boschi/Renzi. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore o coautore di alcuni libri, fra i quali Millenovecentonovantacinque – Cronache da Palazzo Madama ed oltre (Edizioni Associate, 1999), Salviamo la Costituzione (Chimienti, 2006), La dittatura della maggioranza (Chimienti, 2008), Da Sudditi a cittadini – il percorso della democrazia (Edizioni Gruppo Abele, 2013), 26 Madonne nere (Edizioni Delta Tre, 2019)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *