Burattino senza fili

Dopo l’editto Bulgaro, l’editto cinese!

Da Pechino, ben ispirato dal modello cinese, Renzi ha implicitamente rivendicato l’epurazione del sen. Corradino Mineo dalla Commissione Affari costituzionali del Senato, avvertendoci che la sua macchina da guerra, benedetta dal voto popolare delle europee, è destinata ad andare avanti senza lasciarsi condizionare dai veti dei politici.

Il caro leader, non solo a parole, ma con i fatti, ci fa sapere che la sua volontà di imporre al Parlamento l’approvazione delle sue riforme costituzionali deve prevalere su ogni differente opinione dei “suoi” parlamentari.

Renzi pretende l’obbedienza ed esclude che il Parlamento possa decidere in autonomia in tema di riforme della Costituzione, una materia che per consolidata tradizione costituzionale è sempre stata esclusa dall’indirizzo politico di governo e riservata al Parlamento.

Certo, la natura del Parlamento è stata corrotta dalla legge elettorale (il porcellum), la quale ha attribuito ad una ristretta élite il potere esclusivo di nomina dei parlamentari che – di fatto – sono diventati dei rappresentanti del Capo politico piuttosto che degli elettori. In questo modo è stato “neutralizzato” l’art. 67 della Costituzione che prevede che “ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”. Anche per questo motivo la Consulta ha dichiarato incostituzionale il porcellum e, proprio per questo, Renzi ha riproposto con l’Italicum lo stesso istituto della nomina dall’alto dei parlamentari, per non privare il Capo politico di una prerogativa così importante.

E si tratta di una prerogativa che Renzi e la sua Corte rivendicano di continuo, come ci ha dimostrato l’episodio della bastonatura mediatica del Presidente del Senato, colpevole di aver espresso dubbi sulla riforma-abolizione del Senato e per questo aggredito dalla Serracchiani che gli ha ricordato che anche lui è stato nominato e deve obbedienza ai suoi autori.

Si tratta di un atteggiamento “moderno” ma anche antico perché esprime una tentazione da sempre presente nelle stanze del potere. Potremmo definirla la sindrome di Mangiafuoco. Il riferimento evidente è all’album di Edoardo Bennato, Burattino senza fili, e alla canzone Mangiafuoco:

“Non si scherza, non è un gioco sta arrivando Mangiafuoco/ lui comanda e muove i fili/ fa ballare i burattini/State attenti tutti quanti/non fa tanti complimenti/ chi non balla, o balla male/lui lo manda all’ospedale/Ma se scopre che tu i fili non ce l’hai/se si accorge che il ballo non lo fai/allora sono guai!”

Renzi-Mangiafuoco ha scoperto che Corradino Mineo i fili non ce li ha ed il ballo non lo fa: allora sono guai!

Ma per noi è un motivo di esultanza scoprire che il sen. Mineo non è un rappresentante del Capo del popolo ma molto più onorevolmente è un rappresentante del popolo.

Domenico Gallo

Autore: Domenico Gallo

Nato ad Avellino l'1/1/1952, nel giugno del 1974 ha conseguito la laurea in Giurisprudenza all'Università di Napoli. Entrato in magistratura nel 1977, ha prestato servizio presso la Pretura di Milano, il Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, la Pretura di Pescia e quella di Pistoia. Eletto Senatore nel 1994, ha svolto le funzioni di Segretario della Commissione Difesa nell'arco della XII legislatura, interessandosi anche di affari esteri, in particolare, del conflitto nella ex Jugoslavia. Al termine della legislatura, nel 1996 è rientrato in magistratura, assumendo le funzioni di magistrato civile presso il Tribunale di Roma. Dal 2007 è in servizio presso la Corte di Cassazione, attualmente ricopre le funzioni di Presidente di Sezione. E’ stato attivo nel Comitato per il No alla riforma costituzionale Boschi/Renzi. Collabora con quotidiani e riviste ed è autore o coautore di alcuni libri, fra i quali Millenovecentonovantacinque – Cronache da Palazzo Madama ed oltre (Edizioni Associate, 1999), Salviamo la Costituzione (Chimienti, 2006), La dittatura della maggioranza (Chimienti, 2008), Da Sudditi a cittadini – il percorso della democrazia (Edizioni Gruppo Abele, 2013), 26 Madonne nere (Edizioni Delta Tre, 2019)