L’inferno è calato sul Kosovo

Sono stato a Pristina il 9 e 10 dicembre con una carovana di duecento italiani che avevano deciso di prendere a cuore le vicende del Kosovo, di interessarsi, mossi da quel grido di don Milani, I Care, della dura realtà di sofferenza e di ingiustizia che alimentava il conflitto. Una ingerenza umanitaria, dunque, attraverso gesti di amicizia. A Pristina abbiamo incontrato i rappresentanti delle istituzioni politiche, delle organizzazioni sociali, della stampa, delle Comunità religiose. In un centro culturale vicino allo stadio, abbiamo incontrato un gruppo di membri del parlamento albanese, eletti alle elezioni politiche del 1993, fra i quali Fehmi Agani, il mite intellettuale albanese, braccio destro di Rugova.… leggi tutto

La guerra è guerra

La guerra è guerra anche se fa male, cantava qualche anno fa un noto cantautore italiano. Adesso vogliono convincerci che la guerra non è guerra perchè fa bene; anzi è uno strumento di lotta per l’affermazione dei diritti umani nel mondo.

“Le parole – scriveva Pavese – sono cose tenere, intrattabili e vive, ma fatte per l’uomo e non l’uomo per loro. Sentiamo tutti di vivere in un tempo in cui bisogna riportare le parole alla solida e nuda nettezza di quando l’uomo le creava per servirsene.”… leggi tutto