Non sfondate quella porta

Il comportamento delle autorità britanniche che hanno minacciato di revocare l’immunità diplomatica all’ambasciata dell’Equador a Londra e di inviare la polizia nella sede diplomatica per arrestare il rifugiato Julian Assange, non è solo indice della durezza del confronto politico-diplomatico fra il Regno Unito e l’Ecuador, ma è un elemento allarmante che rischia di infliggere un ulteriore strappo alle consuetudini di convivenza pacifica fra le nazioni rispecchiate dal diritto internazionale.

E’ a tutti noto che, per una consuetudine antica del diritto internazionale, che precede la stessa Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni diplomatiche, i locali delle ambasciate dei paesi che hanno una delegazione diplomatica accreditata sul territorio di un altro Stato godono della inviolabilità e della extraterritorialità.… leggi tutto

Lettera di Scarpinato: l’autogol dei boiardi

Ogni anno la ricorrenza del 19 luglio, con le manifestazioni rituali – ma non tanto – in memoria dei giudici Falcone e Borsellino e degli uomini della loro scorta, caduti negli attentati del 23 maggio e del 19 luglio 1992, costituisce una spina nel fianco per il ceto politico berlusconiano, i cui uomini, che esercitano alte funzioni pubbliche nello Stato o nella Regione, sono costretti a partecipare ad incontri o a cerimonie in cui il pubblico è animato da sentimenti poco amichevoli nei confronti dei compagni di partito di Dell’Utri e che rischiano sempre di trasformarsi in fastidiose occasioni di contestazione.… leggi tutto