Teoria e pratica dell’ingerenza umanitaria nel conflitto del Kosovo

1. Il tragico pretesto dell’ingerenza umanitaria.

La sera del 24 marzo 1999, quando si sono levati in volo i bombardieri della NATO e sono partiti i primi missili cruise dalle navi militari americane schierate nell’Adriatico, si è consumato un evento che segna una drammatica rottura dell’ordine internazionale come delineato dalla Carta delle Nazioni Unite. Un gruppo di potenze, unite sotto la “leadership” degli Stati Uniti, reputando di incarnare la “Comunità internazionale”, ha superato le colonne d’Ercole dell’interdizione del ricorso alla forza e, attraverso una avventura bellica, ha aperto una nuova avventura nelle relazioni internazionali, rivendicando, manu militari, il “diritto” dell’ingerenza umanitaria, a tutela dei diritti umani.… leggi tutto

Appello per la ricostruzione del diritto dopo la guerra

Roma, 26 luglio 1999

La guerra combattuta nei Balcani, che lascia aperta una crisi gravissima nel cuore dell’Europa, dopo aver mancato il suo obiettivo di evitare una catastrofe umanitaria e di salvare il Kosovo, introduce un nuovo scenario in cui sono rimessi in gioco i rapporti tra i grandi poteri mondiali e lo stesso ordine giuridico internazionale che ha regolato la storia del mondo nella seconda metà di questo secolo.

Il fatto che per giocare questa partita, dopo la caduta del muro di Berlino, sia stata richiamata in servizio la guerra, già bandita dal diritto internazionale, e ora ammodernata con nuove armi e gestita da nuovi soggetti interstatuali sottratti al controllo democratico e alle regole del diritto, apre una fase di estremo pericolo e di imprevedibili dolori per ogni singolo Paese e per l’intera comunità internazionale.… leggi tutto

Un colpo di Stato internazionale

L’ aspetto moralmente più indecoroso della guerra della Nato contro la Federazione jugoslava è il fatto che essa continui ad essere giustificata come “guerra etica”, o “umanitaria” o “per i diritti umani”.Gli argomenti morali espressi da queste contraddizioni in termini vanno tuttavia presi sul serio. Innanzitutto perché su di essi si basa il consenso dell’opinione pubblica occidentale, necessario nelle nostre democrazie per rendere accettabile la guerra. In secondo luogo perché sul consenso alla “guerra etica” o “per i diritti” e sul mutamento del senso comune intorno al loro rapporto con la guerra e con la pace, si fonda la riuscita del vero colpo di stato internazionale e volto a sostituire la Nato all’Onu come garante dell’ordine internazionale.… leggi tutto

L’invisibile codice della guerra

Da quando lo statuto delle Nazioni Unite ha abrogato l’istituto giuridico della guerra (ius ad bellum) come esercizio lecito delle facoltà sovrane degli Stati, la guerra è stata posta fuori dal diritto. Tuttavia, poiché la guerra come fenomeno storico continua ad esistere, anche le operazioni belliche continuano ad essere sottoposte al diritto (ius in bello), seppure in modo quanto mai problematico.

Infatti, come ha rilevato il Tribunale permanente dei popoli (Afganistan II, 20.12.1982): “oggi si sa che la guerra è portatrice di una dinamica intrinseca che la spinge al di là di tutti i limiti nei quali ci si è sforzati di contenerla, e la rende inevitabilmente gravida di crimini di guerra e periò, per sé stessa criminale.”… leggi tutto

L’inferno è calato sul Kosovo

Sono stato a Pristina il 9 e 10 dicembre con una carovana di duecento italiani che avevano deciso di prendere a cuore le vicende del Kosovo, di interessarsi, mossi da quel grido di don Milani, I Care, della dura realtà di sofferenza e di ingiustizia che alimentava il conflitto. Una ingerenza umanitaria, dunque, attraverso gesti di amicizia. A Pristina abbiamo incontrato i rappresentanti delle istituzioni politiche, delle organizzazioni sociali, della stampa, delle Comunità religiose. In un centro culturale vicino allo stadio, abbiamo incontrato un gruppo di membri del parlamento albanese, eletti alle elezioni politiche del 1993, fra i quali Fehmi Agani, il mite intellettuale albanese, braccio destro di Rugova.… leggi tutto

La guerra è guerra

La guerra è guerra anche se fa male, cantava qualche anno fa un noto cantautore italiano. Adesso vogliono convincerci che la guerra non è guerra perchè fa bene; anzi è uno strumento di lotta per l’affermazione dei diritti umani nel mondo.

“Le parole – scriveva Pavese – sono cose tenere, intrattabili e vive, ma fatte per l’uomo e non l’uomo per loro. Sentiamo tutti di vivere in un tempo in cui bisogna riportare le parole alla solida e nuda nettezza di quando l’uomo le creava per servirsene.”… leggi tutto

Scuola:le vie della parità sono infinite?

1. Una discussione fuori dagli stereotipi.

Abbiamo voluto porre a questo nostro incontro un titolo che forse sembrerà provocatorio: le vie della parità sono infinite? con l’intenzione di lanciare effettivamente una provocazione, una provocazione, lasciatemi passare il termine, per così dire “maieutica”. Cioè una provocazione che aiuti ciascuno di noi a pensare il problema, uscendo fuori dagli stereotipi ed abbandonando ogni logica di schieramento a favore di una logica di contenuto, di valore, e quindi di senso.

Bisogna uscire fuori dai facili schematismi perchè gli schematismi portano alla banalizzazione del problema e non ci aiutano a raggiungere una matura consapevolezza delle scelte che dobbiamo compiere.… leggi tutto

Europa, Mercato e Diritti sociali

(Questione Giustizia n.2/1999)


1. Una ricerca di senso nella costruzione europea.

La nostra ricerca parte da un’interrogativo sulla dimensione di senso della complessa costruzione europea. E’ possibile identificare l’architrave, l’asse portante dell’intero edificio comunitario, in altre parole il principio costitutivo dell’Unione Europea? Al riguardo è stato osservato che:

“Può darsi che nel suo gene originario l’Europa non avesse già l’impronta rigida della natura economica che poi la dominò. Numerose fonti convengono nell’attestare che i padri franco tedeschi ed italiani della costruzione europea consideravano a base di essa, assieme all’intento dello sviluppo economico in un grande mercato altri scopi più generali e più spirituali: la edificazione di una pace intereuropea con solide radici, che impedisse il ripetersi delle rivalità e delle guerre storiche, di una democrazia stabile; la costruzione di una unità politica di grandi dimensioni capace di competere con Stati Uniti e Unione Sovietica nell’ambito mondiale e così di mantenere all’Europa personalità istituzionale e potere mondiale.… leggi tutto