Contro le istituzioni: tutti con Silvio!

Tutti con Silvio. Il 23 marzo alle ore 15 a Roma in Piazza del Popolo. Difendi i tuoi diritti. Partecipa con Silvio Berlusconi alla manifestazione contro l’oppressione fiscale, burocratica, giudiziaria.

Questo è l’annuncio della manifestazione del Pdl comparso sui manifesti che stanno tappezzando le pubbliche strade.

Per essere ancora più esplicito, il sito del Pdl (consultato il 21 marzo) reca queste parole d’ordine:
– i magistrati politicizzati usano illegittimamente i loro poteri contro chi è stato democraticamente eletto dai cittadini,
– i magistrati possono commettere ogni abuso a danno di un cittadino senza mai pagare quando sbagliano;
– non si è sicuri dell’inviolabilità delle proprie conversazioni telefoniche;
– basta con la giustizia politica.… leggi tutto

Indipendenza del Pubblico Ministero e Stato di Diritto

Seminàrio Internacional
O papel do Ministerio Publico na investigação criminale

1. Premesse: La Costituzione italiana e l’organizzazione dei poteri di garanzia.

Sono necessarie alcune brevi premesse sul sistema costituzionale e sulla vita delle istituzioni in Italia.

La Costituzione italiana, entrata in vigore nel 1948, è frutto delle dure lezioni della storia. Attraverso la Costituzione si è incarnata nell’ordinamento giuridico la passione della resistenza che nella lotta al nazifascismo ha testimoniato la fede nei diritti dell’uomo ed ha aperto la strada ad un nuovo ordinamento in cui la libertà è stata istituita come bene supremo e protetta da robuste istituzioni di garanzia.… leggi tutto

L’ultimo attacco del caimano

Adesso è ufficiale, Berlusconi convoca la piazza contro la magistratura e chiama il popolo a manifestare il 23 marzo contro questo «cancro della nostra democrazia».

Probabilmente le ultime rivelazioni sulla vicenda De Gregorio sono la goccia che ha fatto traboccare il vaso dell’insofferenza per il controllo di legalità e per le regole dello stato di diritto. Qui emerge l’anomalia del sistema politico italiano che ha consentito venissero affidate funzioni di uomo di stato ad un personaggio che, oltre ad essere coinvolto con i suoi più stretti collaboratori in vicende di malaffare di ogni tipo, ha fatto della lotta alle regole costituzionali e dell’aggressione alle istituzioni di garanzia la ragione d’essere stessa del suo movimento.… leggi tutto