“Se il SISMI vuol sapere……”

Caro Direttore,

dopo aver letto “la scheda Gallo” su alcuni quotidiani del 5 luglio, come magistrato devo rilevare – con amarezza – che strutture che svolgono un ruolo delicato nel settore della sicurezza, come il SISMI presentano un livello di efficienza assolutamente inadeguato rispetto ai delicati compiti istituzionali a cui sono preposti. Per esempio, per acquisire informazioni sui miei orientamenti e la mia attività politico-culturale, non c’era bisogno di attivare delle fonti di “buona affidabilità”, che normalmente hanno un costo, e per giunta hanno riferito informazioni sbagliate, fantasiose o assolutamente inattendibili.… leggi tutto

Abu Omar: questo processo non s’ha da fare

Adesso che l’Avvocatura dello Stato ha depositato il secondo ricorso per conflitto di attribuzione, chiedendo l’annullamento decreto di rinvio a giudizio emessa dal Gup di Milano, Caterina Interlandi, è diventato più chiaro anche il senso del primo ricorso per conflitto di attribuzione proposto dal Governo contro l’ufficio del P.M. di Milano avverso le indagini sul caso Abu Omar.

Questo inusitato conflitto fra Governo ed autorità giudiziaria ha un solo obiettivo, un solo significato, un solo scopo: impedire la celebrazione del processo Abu Omar.… leggi tutto

Il P.M. Spataro è fuggito a Cuba

I boatos dilagavano nel palazzo di giustizia di Milano ormai da molti giorni, si diffondevano nei capannelli di cronisti e di avvocati. Tutti ne parlavano, ma nessuno aveva una spiegazione. Da alcuni giorni il dr. Armando Spataro non si recava più al lavoro nel suo ufficio alla Procura di Milano. L’incertezza fu rotta da uno scoop del giornale Libero che pubblicò un articolo con un titolo a 4 colonne: “Il P.M. Spataro è fuggito”. L’articolo scritto dal vicedirettore, Renato Farina (l’agente Betulla) ipotizzava che Spataro, non era stato rapito, ma si era reso irreperibile per motivi di cuore, lasciando intendere che non si poteva escludere che fosse fuggito a Cuba, meta molto ambita nell’ambito del turismo sessuale.… leggi tutto

Base di Vicenza: c’è una terza via

La grande ed entusiasta partecipazione popolare alla manifestazione di sabato scorso contro l’insediamento di una nuova base militare americana a ridosso della città di Vicenza, testimonia una domanda politica di discontinuità rispetto alla inusitata cupidigia di servilismo del Governo Berlusconi nei confronti delle politiche guerresche dell’Amministrazione Bush. Sbaglierebbe il Governo Prodi a rimanere insensibile al monito che proviene da una frazione così appassionata del popolo dell’Unione.

Un governo di coalizione fra partiti che esprimono interessi, esigenze e culture diverse fra loro, comporta la necessità di una faticosa opera di mediazione.… leggi tutto

L’ombra del patibolo all’alba del 2007

Le drammatiche immagini dell’esecuzione di Saddam Hussein, agitano la coscienza infelice del nostro tempo e ci trasmettono dei messaggi inquietanti. Nella loro icastica esemplarità esse si manifestano come un segno dei tempi, ci porgono una chiave di lettura per comprendere il senso tragico del tempo che stiamo vivendo. Un tempo in cui i patiboli e le uccisioni dei nemici, vengono esibite e trasmesse, via tv o via internet, per alimentare il circolo vizioso delle vendette e delle punizioni reciproche, nel contesto di una guerra senza senso e senza fine.… leggi tutto

Abolizione dell’ergastolo: la ragione profonda è nei principi supremi della Costituzione

Con il nuovo clima politico istauratosi con la vittoria politica del centro-sinistra alle ultime elezioni, e grazie ai lavori della commissione per la riforma del codice penale presieduta da Giuliano Pisapia è divenuto attuale un progetto perseguito in più legislature, ma mai portato a termine: l’abolizione dell’ergastolo. Questo progetto è stato più volte fermato dalle gravi emergenze che hanno funestato la nostra vita pubblica ed è stato persino bloccato attraverso un referendum, improvvidamente proposto, e svoltosi nel 1981 in piena stagione terroristica.… leggi tutto

Il muro di gomma di Nassiriya

Nel 1991 un coraggioso film di Marco Risi (il muro di gomma), denunziava i silenzi, gli ostacoli ed i depistaggi operati dai vertici militari per impedire l’emergere della verità in ordine alle responsabilità per la sciagura del DC9 dell’Itavia, abbattuto da “ignoti” sui cieli di Ustica il 27 giugno 1980. All’epoca sembrava che si potessero aprire delle crepe, ma il muro di gomma ha tenuto e la vicenda di Ustica si è conclusa con l’impossibilità di accertare la verità e di punire i responsabili del suo occultamento.… leggi tutto

Guerra in Libano, così l’ONU è morta e risorta

La guerra del Libano, appena conclusasi con una fragile tregua – che ieri è già stata interrotta da una incursione israeliana – annunzia la morte e la resurrezione dell’ONU. L’ONU è stata brutalmente messa da parte nelle dottrine politiche e nelle strategie militari che da oltre 10 anni a questa parte costruiscono il caos ed il disordine mondiale, perseguendo il progetto di un mondo regolato da una sola superpotenza, che pretende di governare i conflitti ed imporre la sua volontà attraverso il ricorso ad una soverchiante potenza militare.… leggi tutto

Per la sinistra è il tempo della responsabilità

L’emanazione, il 5 luglio, del decreto legge di rifinanziamento di tutte le missioni militari italiane, ivi comprese quelle in Iraq e quelle in Afghanistan, ed il prossimo dibattito parlamentare per l’approvazione della legge di conversione, rende stringenti i tempi del dibattito e della decisione politica.

L’appello lanciato da personalità da sempre impegnate sul fronte della pace, della solidarietà e della giustizia internazionale, come Luigi Ciotti, Tonio Dell’Olio, Gino Strada, Alex Zanotelli, perché ci sia una svolta in politica estera con il ritiro delle truppe italiane impegnate nelle missioni in Iraq ed in Afghanistan, sta provocando un vivace dibattito ed ha fatto emergere i nodi irrisolti della politica estera dell’Unione, restia ad allontanarsi dal solco della tradizionale subalternità filoatlantica.… leggi tutto

Il buco nero di Lampedusa

Ha fatto molto discutere la notizia dell’iscrizione del Ministro Pisanu nel registro degli indagati a seguito dell’avvio di una indagine preliminare sulla base di un esposto presentato da un folto gruppo di parlamentari dell’opposizione (primo firmatario Elettra Dejana) ed esponenti di associazioni, avente ad oggetto il trattamento riservato ai profughi che sbarcano a Lampedusa.

Se è comprensibile – sul piano personale – l’irritazione del Ministro direttamente interessato, non si può accettare la tesi della speculazione politica o elettorale, agitata, con scandalo, dal centro destra, neppure alla luce della richiesta di archiviazione che il P.M.… leggi tutto